Interporto

LA SFIDA DELLA LOGISTICA ETICA

Quando il Sindaco di Bologna Matteo Lepore mi ha proposto, dopo 5 anni di Presidenza all’Acer, il ruolo di Direttore della Logistica Etica in Interporto mi sono chiesto subito se sarei stato in grado di espletare quel ruolo con efficienza. Poi ho capito che rappresentava una sfida e soprattutto era una proposta nuova, che andava nella direzione dei valori per cui mi sono sempre battuto.

Il progetto dell’Interporto di Bologna: un’evoluzione continua.

Sono arrivato alla “cittadella” di Interporto di Bologna, collocata nel Comune di Funo di Argelato, che negli ultimi anni ha avuto un ruolo come una delle strutture logistiche più importanti d’Europa, un sito dove 130 Imprese impiegano circa 6.000 persone, di cui la metà immigrati.
Qui abbiamo creato la Carta della Logistica Etica che esprime principi e valori per espletare le attività delle Aziende che operano in Interporto ed è
impostata su linee di azioni quali: sicurezza sul lavoro, qualità del lavoro, formazione, coesione sociale e innovazione.

Questo progetto è finalizzato alla creazione di azioni positive per i lavoratori e le lavoratrici e per l’azione di responsabilità sociale delle Imprese.

Su questo ho iniziato il mio lavoro di relazioni, proposte, mediazione, contrattazione, innovazione sociale e dialogo con Imprese e Sindacati.

SCARICA LA CARTA LOGISTICA ETICA